Scale elicoidali e scale a chiocciola di palazzi bolognesi .

La scala a chiocciola è un tipo di scala il cui percorso, circolare, prosegue con un andamento elicoidale. Spesso, il percorso si snoda intorno a un asse centrale verticale ,altre volte, manca invece il piantone per cui la scala si limita a girare intorno al cosiddetto occhio. Le scale a chiocciola vennero ideate e realizzate in passato per accedere in cima a torri e minareti. Questo avveniva a causa della loro principale peculiarità, quella di occupare poco spazio rispetto alle scale a rampe, tanto da arrivare a essere usate anche all’interno di colonne monumentali o pilastri. Grazie a questa caratteristica, sono tuttora utilizzate. Una scala a chiocciola può essere ottenuta sovrapponendo due rampe, ad esempio riservandone una all’ascesa e l’altra alla discesa. È questo, ad esempio, il caso della famosa scala elicoidale del Castello di Chambord l’introduzione di questa struttura doppia viene attribuita a Leonardo da Vinci)Le scale a chiocciola possono seguire anche un andamento a pianta quadrata.

la scala elicoidale presenta una struttura meno compatta e più imponente ,non ruota attorno al piantone si sviluppa seguendo il suo cosiddetto occhio, formando due eliche – una esterna ed una interna – che sorreggono il tutto. La sua forma ricorda quella di una spirale irregolare.  Non c’è il piantone centrale, a parità di diametro le scale a chiocciola di tipo elicoidale diventano più ampie nella gradinata, determinando un maggior comfort nel passaggio.

Palazzo Isolani – Lo scalone elicoidale di Palazzo Isolani (1550)in via S.Stefano 16.L’edificio, progettato da Giuseppe Antonio Torri nel 1708 ha una singolare scala elicoidale che risale al 1550 ed è attribuita a Jacopo Barozzi da Vignola, detto comunemente Il Vignola (Vignola, 1507 – Roma, 1573

palazzo Boncompagni 

Le scale di palazzo Boncompagni in via del Monte . .Largamente impiegata nell’architettura romana e medievale quando si trattava di sfruttare ambienti angusti e nascosti per superare più piani senza interruzioni, la scala a chiocciola venne proposta in soluzioni più ampie fin dal Quattrocento .A Bologna sono attribuite al JACOPO BAROZZI IL VIGNOLA scale , come quelle di Palazzo Boncompagni ,di Palazzo Isolani .

Museo Specola

Scala a chiocciola della torre della Specola(1712 e 1726)

Museo Carducci

La scala a chiocciola 

Palazzo in piazza San Martino

La scala a chiocciola

palazzo Pepoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA
RIPRODUZIONE CONSENTITA CON LINK ORIGINALE e CITAZIONE FONTE – https://arte-4-you.com/

Ti potrebbe interessare

4 pensieri riguardo “Scale elicoidali e scale a chiocciola di palazzi bolognesi .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: