Antico e particolare citofono di Palazzo Bargellini

Fin ora ancora nessuno ci ha parlato di un mascherone diabolico con la bocca spalancata , presente nel palazzo Bargellini in Strada Maggiore di Bologna che dietro il portone principale nasconde un segreto…. Una volta direttamente da quella bocca si poteva sentire i voci o al contrario ,si poteva parlare . Era un vecchio citofonoContinua a leggere “Antico e particolare citofono di Palazzo Bargellini”

Bosco fiabesco del Poranceto della montagna bolognese.

Poranceto è bosco secolare con antichi castagni maestosi all’interno del parco dei laghi di Suviana e Brasimone . Uno dei più suggestivi della montagna bolognese che rievoca atmosfere magiche e fiabesche. Non è un semplice castagneto da frutto ma è un bosco con i sui giganteschi castagni, contorti e cavitati veri e propri monumenti verdiContinua a leggere “Bosco fiabesco del Poranceto della montagna bolognese.”

Una foca in piazza Nettuno

,,Nell’estate del 1818 un articolo della Gazzetta di Bologna riferisce che in Piazza del Nettuno viene esposta una foca. La povera bestia, una novità assoluta in città, suscita grande curiosità e soddisfazione negli spettatori.Il 13 luglio questo “Mostro Marino chiamato Focca, ossia Tigre marina” dà alla luce un cucciolo di 30 libbre, che sopravviverà pocheContinua a leggere “Una foca in piazza Nettuno”

Villa Aldini un gioiello sui colli bolognesi

Antonio Aldini fece costruire tra il 1811 e il 1816 una grande villa in stile neoclassico, “palazzo di delizia d’ordine ionico perfetto”, dedicata a Napoleone, che durante una visita a Bologna nel 1805 cavalcò sul colle e, mirando dall’alto il panorama, avrebbe esclamato: “Ca c’est superbe!”. Chissa quale panorama ha incantato Napoleone vista parco Ghigi dalla viaContinua a leggere “Villa Aldini un gioiello sui colli bolognesi”

,,Bancarotta,, Letteralmente ….Chissà se succedeva anche a Bologna .

Bancarotta– Il termine deriva dall’uso di epoca medioevale  di rompere il tavolo e la panca o cassa di legno del banchiere divenuto insolvente. È un tipico reato connesso al fallimento. I primi fallimenti partono dal 1341 dichiarano bancarotta tutte le principali compagnie bancarie fiorentine . Crollo con la reazione a catena travolse un grande numero di depositanti, daiContinua a leggere “,,Bancarotta,, Letteralmente ….Chissà se succedeva anche a Bologna .”

,,Pissabraghe antibandito” …Curiose barriere e coni a Bologna.

A Bologna troviamo alcuni recinzioni semicircolari in ferro battuto oppure di raro ,colate di malta che prendono la forma di un cono, situate agli angoli di antichi palazzi e chiese. ….Ma cosa sono? A Bologna è una apparenza rarissima e non ne parla nessuno….ma alcuni voci di Venezia raccontano di centinaia di gobbe antibandito perContinua a leggere “,,Pissabraghe antibandito” …Curiose barriere e coni a Bologna.”

Lampioni di Bologna

© RIPRODUZIONE RISERVATARIPRODUZIONE CONSENTITA CON LINK ORIGINALE e CITAZIONE FONTE – https://arte-4-you.com/– Ti potrebbe interessare Lampione più bello di Bologna – messaggero di vita? No-era un progetto mai compiuto. Stemmi a Bologna Bellissimi particolari-battiporta di Bologna Vecchi pozzi di Bologna Antichi orologi meccanici a Bologna

Stemmi a Bologna

Lo stemma di Bologna è uno scudo ovale diviso in quattro parti: due con la croce rossa su sfondo bianco sovrastata da un capo d’Angiò e due con la scritta in oro “Libertas” in diagonale su sfondo azzurro. Testa di leone posta di fronte. La fusione, dei due stemmi del Comune e del Popolo avvenutaContinua a leggere “Stemmi a Bologna”

Vecchi pozzi di Bologna

Alla metà dell’Ottocento ne erano presenti quasi 14.500 In ogni cortile, in ogni cantina di Bologna ma paradossalmente tutti questi pozzi fornivano senza scampo acqua non potabile , perchè la falda freatica, che li alimentava, era contaminata a causa delle dispersioni provenienti dalla rete fognaria e dei liquami scaricati dai pozzi neri direttamente nel terreno.Continua a leggere “Vecchi pozzi di Bologna”

Particolari di Bologna che scompaiono

8- L’affresco è databile alla fine del XVI secolo e rappresenta una Crocifissione con le figure della Vergine e di San Giovanni insieme ai Santi Pietro e Paolo. Nella raffigurazione si scorgono anche le Due Torri di Bologna.’L’affresco Seicentesco posto sulla parete di Palazzo Bianchetti lato Piazza Aldrovandi e raffigurate una Crocifissione è stato restituitoContinua a leggere “Particolari di Bologna che scompaiono”